Essere impresa familiare oggi offre valore aggiunto.

L’AIDAF (Associazione italiana aziende familiari) proporrà oggi all’Università Bocconi di Milano, uno studio effettuato cogliendo elementi rappresentativi di più di 4.000 aziende familiari italiane. I dati raccolti e confrontati, portano ad un risultato confortante : le imprese medio grandi a conduzione familiare sono state in grado di far fronte all’attuale crisi, creando per contro nuovi posti di lavoro.

Pare quindi che al contrario di quanto si sosteneva negli anni passati nel nostro mondo capitalista, le imprese familiari non siano state un ostacolo allo sviluppo, ma abbiano messo in campo forze e sinergie positive per superare il periodo avverso.

Sicuramente hanno impiegato anche capitale proprio per sopperire a momenti di necessario investimento, non dipendendo così solo dal capitale di terzi, hanno attenuato  gli effetti della stretta creditizia in atto. Ovvio che chi lo ha fatto è stato negli anni passati tesoriere attento e lungimirante.

Alcune hanno intrapreso un cammino di cambiamento per fronteggiare il cambio generazionale; hanno pianificato formazione, sviluppo ed integrazione delle risorse umane interne. Altre sono riuscite a cambiare mercato, concentrando gli investimenti nei paesi esteri di maggiore interesse per il settore del proprio business caratteristico. Ecco quindi che l’impresa familiare diventa ed è per il tessuto economico del nostro paese una forte speranza, contrariamente ad ogni aspettativa culturale.

Devo confermare che nel mio cammino professionale degli ultimi mesi, ho potuto toccare con mano questo aspetto e verificare una tenacia, resilienza e capacità di volgere lo sguardo verso nuovi orizzonti, veramente lodevoli e degni di un tessuto imprenditoriale vero e sano di idee.

Il sistema Italia non le aiuta, ma proprio per questo sono alla ricerca continua di alternative e soluzioni concrete, dimostrando di credere nel proprio DNA FAMILIARE, base indispensabile per continuare a pensare che l’Italia creda in noi .

Olimpia

 

 

Social:

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *